Ultimi articoli

Interventi

Il futuro del riformismo: costruire la sinistra plurale-intervento al convegno del 21.06.2013 di Marco Romagnoli

lunedì 1 luglio 2013 alle 10:15:55

Marco Romagnoli

Marco Romagnoli

Nel pensiero e nell’agire politico vi è, spesso, una sorta di continuità che, pur con le varianti dettate da un quadro in continuo movimento, impediscono di cogliere le fratture che si manifestano rispetto ad una realtà conosciuta e analizzata. Probabilmente è per questo che il profondo e articolato cambiamento verificatosi negli ultimi venti anni, a mio avviso, non è stato pienamente colto nella enormità della sua portata. Eppure tutti noi evochiamo la “globalizzazione” e l’innovazione come fattori di grande trasformazione, coscienti della vastità dei loro effetti.


Continua >>

Interventi

Identikit della sinistra plurale

sabato 29 giugno 2013 alle 9:23:09

di Paolo Ranfagni.
 

Sette associazioni di cultura politica che fanno riferimento al PD, tra cui “Politica e società”, hanno promosso un’iniziativa comune dedicata a “Il futuro del riformismo: costruire la sinistra plurale”, per offrire un contributo al rilancio dell’azione del partito. L’iniziativa si è tenuta a Roma il 21 giugno e ha visto una grande partecipazione, con oltre tre ore di dibattito appassionato, al quale ha voluto prendere parte anche il segretario del PD Guglielmo Epifani.

Cesare Damiano, nell’intervento di apertura, si è incaricato di sgombrare il campo da qualsiasi equivoco: non sosteniamo alcun candidato al Congresso, né intendiamo dar vita ad una nuova corrente, di cui nessuno sente il bisogno, ma vogliamo cambiare metodo e ripartire dai programmi, con un Congresso capace di partire dal basso e di affrontare i temi centrali


Continua >>

Comunicati stampa

Il futuro del riformismo. Costruire una sinistra plurale

venerdì 14 giugno 2013 alle 17:00:02

“Politica e società”, insieme ad altre associazioni impegnate sul fronte della cultura politica, ha promosso un’iniziativa a Roma, nella sala conferenze di piazza Montecitorio 123/A (adiacente  Capranichetta), venerdì 21 giugno dalle 15 alle 19, sul tema “Il futuro del riformismo. Costruire una sinistra plurale”.

Per Vannino Chiti “questa è una fase che deve servire a tutte le componenti progressiste – dentro e fuori il PD – a confrontarsi senza pregiudiziali su grandi priorità quali il diritto al lavoro e lo sviluppo sostenibile, la qualificazione del welfare, la costruzione di una grande democrazia sovranazionale (gli Stati Uniti d’Europa)”.

Un primo appuntamento quindi da non mancare per tutti i soci e gli amici che sono interessati a questi problemi. “Politica e società” s’impegna fin d’ora ad organizzarne uno in Toscana nel prossimo autunno


Continua >>

Articoli

PD: riforma del partito e nuove regole?

domenica 28 aprile 2013 alle 16:13:48

di Filippo Torrigiani.

Filippo Torrigiani

Filippo Torrigiani

Nonostante i ripetuti segnali d’incertezza che provenivano da più parti, mai avremmo immaginato di trovarci in questo vortice politico di dantesca profondità.

Non è di circostanza ricordare gli innumerevoli errori che, nel corso di quest’ultimo anno, siamo stati in grado di sommare. All’indomani della caduta del governo Berlusconi, per una serie di circostanze – su tutte la spietatezza della paura- non abbiamo colto l’attimo che ci avrebbe visti, quasi sicuramente, maggioranza e forza di governo del paese. Ed anche i cattivi consigli, sono convinto, non ci hanno aiutato a fare la “scelta” delle scelte: chiedere con fermezza le elezioni politiche. In nome di un non ben definito bene comune, ci siamo sommamente allineati alle altrui volontà (che almeno per una parte condividevamo!). In molte occasioni, forse troppe, ci siamo limitati a ratificare decisioni e scelte politiche diametralmente opposte ai valori che da sempre sono propri della nostra identità.
Abbiamo attraversato questa stagione, a fianco del rivale di sempre. Ed anche questo, la nostra base, i nostri elettori, forse non ci hanno perdonato.


Continua >>

Dicono di noi | Interviste

Chiti: nuovo rapporto fra potere, istituzioni e cittadini

lunedì 11 marzo 2013 alle 20:13:04

Sen. Vannino Chiti

Sen. Vannino Chiti

Intervista di Piero Meucci, direttore StampToscana

http://www.stamptoscana.it/articolo/politica/chiti-nuovo-rapporto-fra-potere-istituzioni-e-cittadini

Fatti nuovi sono accaduti in queste settimane, fatti che aprono incertezze e interrogativi, ma che sono anche finestre importanti di nuove opportunità per andare avanti sulla strada del rapporto fra potere, istituzioni e cittadini.Ne parla Vannino Chiti rientrato nel Senato che lo ha visto vicepresidente nella passata legislatura

Firenze – Fatti nuovi sono accaduti in queste settimane, fatti che aprono incertezze e interrogativi, ma che sono anche finestre importanti di nuove opportunità per andare avanti sulla strada del rapporto fra potere, istituzioni e cittadini. Fatti di segno diverso, la grande rinuncia di Benedetto XVI e i sommovimenti politici in Italia e in Europa, ma che impongono nuove prospettive. Vannino Chiti, già presidente della Regione Toscana, neoeletto senatore,


Continua >>

Comunicati stampa

La nostra Europa.

lunedì 4 marzo 2013 alle 19:28:13

di Tiziana Isitani.

Prima della crisi mondiale, l’Europa era in crisi. Non era riuscita a progredire nell’unificazione metanazionale né a integrare le nazioni liberate dall’impero sovietico. La crisi economica mondiale rischia non solo di aggravare la crisi dell’Europa, ma di disgregrare l’Europa stessa. Tuttavia, “là dove cresce il pericolo cresce anche ciò che salva”, diceva uno dei più grandi poeti europei (Hölderlin). È a un pensiero e a una politica di salvezza che ci invitano Edgar Morin e Mauro Ceruti. Delineano un appassionato ritratto della nostra Europa, della sua storia ambivalente intrecciata di civiltà e barbarie, e si chiedono come sia possibile scongiurare il rischio di paralisi e di disgregazione, mostrando che le ragioni della speranza si annidano paradossalmente nelle ragioni della disperazione. Un vero e proprio manifesto per una rinascita della cultura e della politica europee nel tempo della globalizzazione. Politica e Società organizza la presentazione di questo volume di Edgar Morin e Mauro Ceruti, dal titolo “LA NOSTRA EUROPA”, alla presenza di uno degli autori, Ceruti, del Senatore Vannino Chiti e del Prof. Ciliberto,  mercoledì 6 Marzo alle ore 17,30 c/o l’Auditorium del Consiglio Regionale della Toscana in  Via Cavour, 4 a  Firenze.


Continua >>

Articoli

Progressismo politico e progressisti.

giovedì 21 febbraio 2013 alle 17:09:45

di Vito Francesco Gironda.*

 Accanto al moderatismo e al riformismo, il terzo sostantivo dell’agenda politica di questa campagna elettorale è quello di progressista. Abbiamo visto che il moderatismo si configura storicamente come un metodo d’azione politica, mentre per quanto concerne il riformismo il sostantivo dovrebbe essere usato al plurale e declinare lo specifico apporto politico nei termini di culture dei riformismi. Nel caso dei progressisti, o meglio, dell’area progressista, bisogna fare una preliminare puntualizzazione di metodo. A seguire, il termine di “progressismo politico” verrà usato non per illustrare l’ideologia del progresso, ma per definire una categoria di analisi storica.

Il progressismo politico è un classico concetto dell’orizzonte di aspettativa (Erwartungshorizont). Nella modernità, o meglio nelle modernità multiple, le aspettative per il futuro diventano fondamentali, perché i cittadini si aspettano un cambiamento ed una modificazione delle esperienze precedenti (Koselleck).  In questo senso, il progressismo politico si caratterizza per una natura riflessiva: riflette cioè lo stato di cose in una specifica fase della modernità e dei valori costituenti di una società. Ma ha anche una connotazione di tipo processuale.  Questa puntualizzazione consente la ricognizione del suo spazio semantico identificativo, che va oltre le distinzioni tra le diverse famiglie politiche progressiste.


Continua >>

Articoli

Culture dei riformismi.

mercoledì 20 febbraio 2013 alle 10:29:57

di Vito Francesco Gironda*

Discutendo della crisi nella democrazia nostrana il classico refrain suona più o meno cosi: malgoverno, partiti pigliatutto, baracconi corporativi, monopoli in genere. Come uscire da questa situazione? La risposta paventata dalla politica è la seguente: bisogna modificare l’ordinamento politico-sociale del paese Italia attraverso riforme organiche ma profonde. Ecco allora riapparire il riformismo come soluzione universale, il riformismo “imposto” dallo stato delle cose. Ora, pur volendo accettare un siffatto generico approccio di progettualità, bisognerebbe riflettere oltre questa retorica appellativa e chiedersi cosa sia il riformismo e, soprattutto, quali ne siano gli odierni principi e criteri.

Il riformismo non è nuovo alla storia politica del nostro paese. Anzi, esso è passato dall’esperienza locale del riformismo municipale d’impronta socialista, cattolica e repubblicana, a cavallo tra XIX e XX secolo, alla “illusione riformista” (Silvio Lanaro) di collaborazione tra democristiani e socialisti tra il 1962 e il 1972, tanto per considerare una periodizzazione lunga.  Il riformismo italico ha percorso strade locali di city governments sulla base di politiche


Continua >>

Articoli

Moderatismo italico

venerdì 8 febbraio 2013 alle 15:53:44

di Vito Francesco Gironda.*

Vito Francesco Gironda

Vito Francesco Gironda

Una caratteristica della campagna elettorale italiana è la contrapposizione tra moderati, riformisti e progressisti. Messa in soffitta la classificazione assiale destra/sinistra, la classe politica e una parte dell’opinione pubblica sembrano trovare in questi sostantivi più consone arene di identificazione. Eppure è lecito chiedersi cosa essi vogliano dire concretamente, a quali tradizioni si rifanno e, soprattutto, qual è il loro significato politico in una prospettiva storica di lungo periodo. Il presente intervento sul moderatismo e i moderati è la prima di tre riflessioni con cui cercherò di rispondere a queste domande e il cui focus sarà sul lato del rapporto Stato-società.

È noto che il moderatismo italiano appartiene alle diverse famiglie del liberalismo ottocentesco. La storiografia risorgimentale nostrana si è soffermata a lungo sulle specificità dell’impostazione moderata in relazione alla questione nazionale durante i tempi lunghi delle Monarchie amministrative degli Stati territoriali


Continua >>

Interventi

Generazioni e politica negli anni della Repubblica-atti del convegno del 14.12.2012-intervento Vannino Chiti.

mercoledì 2 gennaio 2013 alle 11:57:00

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Sen. Vannino Chiti

Sen. Vannino Chiti

INTRODUZIONE

Abbiamo pensato, come Associazione Politica e Società e come Centro Donati, di svolgere una riflessione, a dire la verità pensavamo che non si fosse più in nessuna forma di attualità politica, invece, in parte, ci siamo ancora. Vorremmo, però, che la riflessione di oggi fosse staccata dai momenti di contingenza politica, una riflessione che vorremmo iniziare attorno alle questioni che sono legate alla storia della Seconda Repubblica, nel finire del secondo dopoguerra, dalla nascita della Costituzione , ai rapporti tra generazioni e politica, generazioni al plurale. Ripercorrendo, non come ogni cinque dieci anni  si definiscono le generazioni che hanno avuto un rapporto con le istiruzioni e la politica,  ma prendendo, grossomodo, tre grandi blocchi.


Continua >>